"IL LICEO", NOIR AMBIENTATO A MILANO 

TRA IRONIA E INTROSPEZIONE PSICOLOGICA


Lorenzo Padovani è un promettente rampollo della Milano bene, dal curriculum accademico ineccepibile. Ricevere un incarico come docente nel prestigioso Liceo privato Modigliani, la scuola che forma l’élite della futura classe dirigente, è dunque il coronamento di un sogno, la possibilità di essere «tra i predestinati ad avere il meglio». Eppure, dietro la facciata di eccellenza, al Modigliani le cose non sono affatto come sembrano. Bullismo, vessazioni, disagio adolescenziale, a cui non danno alcuna risposta un corpo docente arrivista e una dirigenza quantomeno ambigua. Il suicidio di una studentessa, dietro al quale si celano molte zone d’ombra, sarà l’elemento decisivo affinché il protagonista decida di schierarsi dalla parte della verità, rischiando tutto in prima persona. La volontà di vederci chiaro sulla morte della ragazza, infatti, lo condurrà ad affrontare pericoli inattesi e i conflitti di coscienza che si creano quando si viene chiamati a scegliere tra etica e interessi personali.

L’ultimo pezzo di bravura di Alessandro Berselli, giallista bolognese, esplora tematiche che di rado trovano spazio nella letteratura di genere denominata ‘gialla’: l’educazione, il rapporto intergenera-zionale, l’accoglienza e il rapporto con chi è diverso da noi, l’assoluta competitività che coinvolge giovani e adulti. Il tutto, descritto con un tono brillante e ironico per un verso, ma anche riflessivo nei passaggi in cui si affrontano gli aspetti psicologici dei personaggi.

Sullo sfondo, l’ambientazione della ‘Milano da bere’ dei tempi odierni, apparentemente così diversa dalla progenitrice ma, in fondo, eterna-mente uguale nei tempi frenetici e nella ricerca di modelli di vita sempre più efficienti.

Un romanzo che si brucia in poche ore, avvinti dall’intreccio sempre più drammatico che via via coinvolge il protagonista – investigatore per caso – in un finale con sfumature thriller, che svelerà mediante i classici ‘colpi di scena’ una verità inaspettata.



Commenti

Post più popolari